Ti si moj zivot

Tu sei la mia vita

dal 31 gennaio al 3 febbraio 2019

Orari e giorni di spettacolo

giovedì - sabato ore 21.00

domenica ore 18.00

Biglietti

intero € 18 | under 25, over 60 e convenzionati € 13 | under 18, scuole di teatro, allievi accademie e università € 10

Ti si moj zivot è il racconto di una guerra. Una guerra che si è combattuta poco tempo fa, vicinissima nel tempo e nello spazio. Una guerra atroce, che ha visto fratelli uccidere fratelli, frantumando l’unità di una nazione, frantumando vite, sogni, speranze. Frantumando la loro stessa storia. La guerra nella ex Jugoslavia.


Di chi sono stati i torti? Chi ha iniziato? Chi ha commesso i crimini peggiori? Qual è stato il ruolo delle grandi potenze internazionali? È praticamente impossibile dare una risposta. Non lo sanno nemmeno loro, i tanti popoli che hanno combattuto questa guerra tremenda, iniziata in Slovenia e finita in Kosovo, senza che alcuna di quelle regioni potesse uscirne indenne. Per più di un decennio.

Il progetto Ti si moj zivot di Fenice dei Rifiuti si propone di realizzare tre differenti spettacoli teatrali in tre successive stagioni, nel tentativo di fornire un quadro più ampio possibile delle atrocità di quel decennio.

In questo primo capitolo, poniamo la lente di ingrandimento su alcune delle tante piccole storie che hanno attraversato il primo anni della guerra in Bosnia, tra il 1992 e il 1993, dando voce alle tante persone che sono rimaste schiacciate sotto il peso delle macerie (strutturali e morali) senza davvero capire cosa stesse accadendo.


Incontriamo allora Bosko e Admira, due giovani fidanzati di etnie e di religioni differenti.
Incontriamo Zlata, una bambina di 11 anni che ha scritto in un diario la sua visione di quegli anni.
Incontriamo Suada, una giovane studentessa in medicina di Dubrovnik.
E incontriamo Vedran, mentre suona il suo violoncello sulle rovine della biblioteca di Sarajevo.


Sullo sfondo, quasi in controluce, le Olimpiadi invernali di Sarajevo del 1984 e i mondiali di calcio di Italia 1990. Quando ancora nessuno poteva immaginare cosa sarebbe successo. Quando ancora la Jugoslavia esisteva.

drammaturgia e regia

Alessandro Veronese
 

con

Elisa Giorgio

Alessandro Veronese
 

produzione

Fenice dei Rifiuti

TEATRO LIBERO

via Savona 10, 20144 MILANO

02 8323126 | biglietteria@teatrolibero.it

  • Facebook Social Icon
  • Instagram Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon

La Danza Immobile srl Impresa sociale ETS

Sede legale via Savona 10, Milano. PI 02237350968

© Claudio Onofrietti 2018

Informativa sulla privacy

comune_milano_Teatro_Convenzionato_logo.
logo-ente-accreditato-regione-lombardia.
fondazione-cariplo