Creditori

da August Strindberg
20 febbraio – 26 febbraio 2017 | Residenza Urbana Progetto TLLT
Lunedì - sabato ore 21.00
Domenica ore 16.00
  • Black Facebook Icon
regia Luigi Guaineri
con Monica Faggiani, Fabio Banfo, Fabrizio Martorelli
aiuto alla regia Serena Piazza
Produzione Effetto Morgana
PRIMA NAZIONALE

“I creditori” è una macchina infernale: esibizione dell'atto finale di una di vendetta che,  con perfida ironia, viene riscossa come un chirurgico recupero crediti.
Racconta di un classico triangolo amoroso: il creditore, un giovane pittore in ascesa, il debitore, un vecchio professore in rovina, e l'ex moglie di quest'ultimo, ora compagna del primo, che diventa  inconsapevole strumento di ritorsione. Solo all'apparenza si tratta di un pezzo di teatro borghese, perché non è certo sulla verosimiglianza del luogo in cui accade la vicenda (una salotto di un albergo per villeggianti vista lago), né dei dialoghi o della situazione, che Strindberg costruisce questo atto unico sorprendente per ferocia, originalità e humor nero. In fondo quasi un pretesto per mettere in scena quello che l'autore ritiene essere la più peculiare forma di violenza che caratterizza l'uomo moderno: “la lotta dei cervelli”.
Questa forma di duello per il potere, infatti, non ha nulla da invidiare alla violenza fisica degli scontri barbarici dall'antichità: anche qui il più debole soccombe. Terreno d'elezione del conflitto è la femmina come genere contrapposto al maschio, la donna come corpo e trofeo, il femminile come espressione di un'intelligenza altra, che minaccia l'uomo.
Se qui i rapporti umani sono retti da gelosia, manipolazione, orgoglio, seduzione e desiderio di vendetta, sola certezza è che i conti devono tornare. Ed ecco che i Creditori sono tutti coloro che, alla fine, esigono il saldo. Alla base della concezione dell'uomo di Strindberg, vi sono  le indagini della prima psicoanalisi, della psicologia, della filosofia nichilistica, del darwinismo... il mondo moderno nel suo stato nascente. La rivoluzione copernicana che ribalta e mina le certezze sull'essere umano. Quel che vien fuori è lo spaccato di uomini che non hanno ”carattere”, in quanto l'uomo, nella concezione moderna all'alba del '900, è solo un assemblaggio di elementi disparati e privi di coerenza.

TEATRO LIBERO

via Savona 10, 20144 MILANO

02 8323126 | biglietteria@teatrolibero.it

  • Facebook Social Icon
  • Instagram Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon

La Danza Immobile srl Impresa sociale ETS

Sede legale via Savona 10, Milano. PI 02237350968

© Claudio Onofrietti 2018

Informativa sulla privacy

comune_milano_Teatro_Convenzionato_logo.
logo-ente-accreditato-regione-lombardia.
fondazione-cariplo