ATRA BILE Quando saremo più tranquille

di Laila Ripoll
9 gennaio – 15 gennaio 2017 | Compagnia Ospite
Lunedì - domenica ore 21.00
  • Black Facebook Icon
Traduzione di Barbara Foresti
regia Tiziana Bergamaschi
con Valentina Ferrari, Marisa Miritello, Elisabetta Torlasco e Greta Zamparini
Produzione Associazione Teatro dell'Allodola

Immaginario sequel de “La casa di Bernarda Alba” di Federico Garcia Lorca, qui l'autrice sembra lasciarsi stuzzicare da una domanda: “Cosa sarebbe successo, se un uomo fosse entrato a sconvolgere quel microcosmo famigliare e ci avesse piantato radici, sposando una delle figlie?”.
Quel che ne vien fuori sono un testo e uno spettacolo molto spagnoli, ma che potrebbero benissimo essere ambientati in un qualsiasi paesino delle nostre campagne. Con grottesca ironia noir, racconta di una situazione drammatica di chiusura, dove il dover salvare la facciata e l’onorabilità a tutti i costi, il livore di rivalità ataviche e irrazionali nelle dinamiche familiari al femminile e una religiosità bigotta, che però non di rado cede alla fascinazione del rito pagano montano in una rabbia repressa, che diventa bile nera.
Le protagoniste sono donne: delle donne vecchie, che la vita ha inacidito. Raccolte attorno al feretro dell'unico uomo che abbia mai avuto l'ardire di violare l'inespugnabilità di quella casa, rievocano una vita segnata da trame, invidie e gelosie reciproche e inconfessabili. Il peso del non detto le ha trascinate in una senilità, che sembra non conoscere la serena pacificazione dell'età matura. Ed ora sono là, attorno a quel morto, che, con inatteso “Realismo magico” alla Gabriel Garcia Marquez, si anima di vita propria, ripercorrendo a ritroso le età fino a risalire alla sua splendida giovinezza. E', questo, un tocco che dona quel respiro immaginifico e leggero, che lo astrae dall’essere solamente l'affresco socio-politico di una società arcaica e contadina, restituendocelo, invece, pure come un divertissement. Così si può ridere, talvolta in modo amaro e crudele, di personaggi che somigliano più a mostri e a fattucchiere, che a persone reali; e, ridendone, veniamo a riflettere su quella condizione di chiusura e solitudine umana, che talvolta basta solo di un detonatore maschile per far esplodere l'asfittica miseria di gabbie imposte al femminile.

TEATRO LIBERO

via Savona 10, 20144 MILANO

02 8323126 | biglietteria@teatrolibero.it

  • Facebook Social Icon
  • Instagram Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon

La Danza Immobile srl Impresa sociale ETS

Sede legale via Savona 10, Milano. PI 02237350968

© Claudio Onofrietti 2018

Informativa sulla privacy

comune_milano_Teatro_Convenzionato_logo.
logo-ente-accreditato-regione-lombardia.
fondazione-cariplo