Amore organico

di Corrado Accordino
8-20 marzo 2018 / Prima Nazionale
Tutti i giorni ore 21.00, tranne domenica ore 16.00
regia Corrado Accordino
con Alfredo Colina, Rossana Carretto, Fabio Zulli
assistente alla regia Valentina Paiano
scene e costumi Maria Chiara Vitali
produzione Compagnia Teatro Binario 7

“Cosa sei disposto a sacrificare per raggiungere i tuoi scopi?” direbbe il trailer di un film d’azione medio-basso americano.

 

Oggi tutto ha un prezzo, purché ci sia un compratore. E, si sa, uno dei mercati più fiorenti e longevi che la storia conosca è il mercato degli organi. La nostra storia si dipana esattamente tra le follie di questo mercato altamente sensibile.

Un uomo e una donna hanno bisogno dello stesso trapianto di organi. Facile immaginare che, nella nostra storia, uno sia ricco e uno sia povero. Altrettanto facile immaginare che il ricco prevarrà sul povero. Così va il mondo. Meno prevedibile è però la macchinazione che il povero sta escogitando.

Le carte in gioco sono: un organo per la sopravvivenza, una donna ingioiellata, un uomo che aspetta il suo turno in lista, un toy boy, un’eredità possibile, una pistola carica, una pistola scarica, due manette, un conto in Svizzera e altri amori demoni o sciocchezze di un mondo in vendita.

Appunto, come si diceva, tutto ha un prezzo!

Note di regia
Senza distinzione di razza, di lingua, religione, condizioni personali e sociali, la vita di ogni essere umano apparso su questa terra è sacra. E su questo non ci piove.
Però se nasci a Nairobi invece che ad Oslo la tua vita è un po’ meno sacra della mia.
Ma senza andare così lontano se ti ricoverano in un ospedale della Campania e a me in uno della Valle d’Aosta la tua vita è un po’ meno sacra della mia.
Ma senza pensare alla geografia, se tu stai in fila ad aspettare un organo per il trapianto, ma io ho i soldi per pagarlo la tua vita… faccio a meno di finire la frase
È l’amara realtà di cui parla Amore Organico. Il potere logora chi non ce l’ha. E chi non lo ha sopporta, sopporta e sopporta ancora finché qualcosa scatta e tutto diventa possibile.
Non si augura la morte a nessuno… ma se sei in attesa di un organo compatibile tutto diventa relativo.

TEATRO LIBERO

via Savona 10, 20144 MILANO

02 8323126 | biglietteria@teatrolibero.it

  • Facebook Social Icon
  • Instagram Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon

La Danza Immobile srl Impresa sociale ETS

Sede legale via Savona 10, Milano. PI 02237350968

© Claudio Onofrietti 2018

Informativa sulla privacy

comune_milano_Teatro_Convenzionato_logo.
logo-ente-accreditato-regione-lombardia.
fondazione-cariplo